sfivco

Γνῶθι σεαυτόν

Agorà – cultura per la vita quotidiana. Omegna 11-12-13 settembre 2020. “Il tempo futuro”

Venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 settembre si svolgerà la terza edizione di Agorà, rassegna culturale del lago d’Orta. Nei tre giorni di dibattito si alterneranno importanti ospiti del panorama intellettuale italiano. La tematica di quest’anno avrà come titolo “Il tempo futuro”. Sarà un’occasione per riflettere sul tempo futuro osservando il tempo presente e il momento di crisi che l’umanità sta attraversando.

Le conferenze si svolgeranno presso il Forum di Omegna: Parco Pasquale Maulini, 1, 28887 Omegna VB.

Per motivi di sicurezza sanitaria occorre la prenotazione inviando una mail a: omegnacultura@gmail.com indicando nome cognome e cellulare.

Venerdì 11 settembre:
Ore 18.00: Maura Gancitano, fondatrice con Andrea Colamedici del progetto Tlon: scuola permanente di filosofia e immaginazione, inizierà la rassegna con “Il futuro dell’umano tra performance e meraviglia”.

Ore 21.00: l’antropologo Marco Aime interverrà con “Per non morire di sviluppo”.

Sabato 12 settembre:
Ore 10.30: in aperto dialogo, il teologo Giannino Piana, il neurologo Giorgio Sandrini e il filosofo Walter Minella parleranno di “Pandemia e futuro. Una riflessione etica”.

Ore 15.00: il fisico, docente dell’Università di Pavia, Elio Giroletti parlerà nel suo intervento de “Il tempo fisico: che tempo è?

Ore 21.00: lo psicologo Matteo Lancini interverrà su “Cosa serve ai nostri ragazzi: consegnare il futuro agli adolescenti”.

Domenica 13 settembre:
Ore 10.30: il filosofo youtuber Matteo Saudino (BarbaSophia) interverrà con “Giordano Bruno e Baruch Spinoza: due sguardi sul futuro”.

Ore 14.30: Francesca R. Recchia Luciani, prof.ssa Ordinaria di Storia della Filosofia Università di Bari Aldo Moro, parlerà di “Il futuro (in) remoto delle donne: ripensare il tempo, il corpo, la biosfera”.

Ore 17.00: Enrica Lisciani-Petrini, prof.ssa Ordinaria di Filosofia Teoretica dell’Università degli Studi di Salerno, concluderà la rassegna con “Il tempo si dice in molti modi. Un excursus fra filosofia, scienza e arte”.

Ore 21.00: spettacolo musicale – Francesco Baccini

La Società Filosofica Italiana sez VCO ringrazia per l’opportunità di collaborazione l’assessore alla Cultura della Città di Omegna Sara Rubinelli.




Lo Spazio bianco propone Federica Caniglia che presenta Coco – un’analisi filosofica dei film d’animazione

Lo Spazio bianco, rubrica di promozione culturale della Società Filosofica Italiana sez VCO, presenta Federica Caniglia che analizza il bellissimo e significativo film di animazione Coco, prodotto dalla Disney-Pixar nel 2017, evidenziando analogie e nessi filosofici riguardanti in modo particolare il senso della memoria, facendo riferimento al filosofo francese Paul Ricoeur.

 

 

Lo Spazio bianco propone Massimo Flematti che presenta Ritorno a utopia

Lo Spazio bianco, rubrica di promozione culturale della Società filosofica italiana sez VCO, propone la lettura del libro Ritorno a utopia, di Roberto Mordacci, attraverso la presentazione in video di Massimo Flematti, che analizza il perché è necessario pensare alle utopie.
Roberto Mordacci è Preside della Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, dove è ordinario di Filosofia morale e Filosofia della storia.

Ritorno a Utopia eBook: Roberto Mordacci: Amazon.it: Kindle Store

Ritorno a utopia (Editori Laterza- 2020) Il mondo contemporaneo ha assoluto bisogno di pensare il futuro come una possibilità buona. È nell’ottica di un’opportunità per il cambiamento che questo libro rilegge le utopie moderne da Thomas More a Francesco Bacone, da Henri de Saint-Simon a Zygmunt Bauman. Il ritorno a Utopia è un viaggio necessario, per quanto il suo percorso sia difficile da immaginare con precisione. Superata l’illusione che il progresso si produca automaticamente per un destino o per una necessità storica o tecnologica, abbiamo il compito di immaginare strutture e relazioni sociali che siano meno ingiuste, meno autodistruttive, più vivibili, anche se non perfette. Si tratta di provare a tracciare piuttosto un’anterotopia, ossia l’immagine credibile di un futuro in vista del quale agire con decisione.

Lo Spazio bianco consiglia la lettura del libro – Il sonno del mattino di Robert Harris – presentato in video da Massimo Flematt

Lo Spazio bianco, rubrica di promozione culturale della Società filosofica italiana sez VCO, consiglia la lettura del libro Il sonno del mattino dello scrittore e giornalista britannico Robert Harris. Nel video introduttivo il prof. Massimo Flematti analizza il testo spiegando le ragioni opportune per leggere un romanzo distopico, che conduce a riflettere, attraverso dati oggettivi, sulla fragilità del progresso tecnologico, che l’autore del libro ha evidenziato nel suo racconto in modo inquietante.
Perché, come dice lo stesso Robert Harris: Siamo all’apogeo del progresso umano e il futuro sarà persino migliore del presente. Ma gli scrittoricontinueranno a offrire visioni meno confortanti. Questa è la nostra funzione.“Spingi la sedia sull’orlo del precipizio – ha scritto Francis Scott Fitzgerald– e ti racconterò una storia”.

Il sonno del mattino - Robert Harris - copertina

“Le parole di Ventotene. Ernesto Rossi e il progetto di unità europea”

“Le parole di Ventotene. Ernesto Rossi e il progetto di unità europea”

In occasione della Festa dell’Europa (9 maggio) solo venerdì 8 e sabato 9 maggio potrete vedere l’interessante documentario “Le parole di Ventotene. Ernesto Rossi e il progetto di unità europea” cliccando al seguente link: https://vimeo.com/310608657
Solo nei giorni indicati visibile per tutti online.
Visibile gratuitamente per le scuole che ne faranno richiesta in seguito.

Lo Spazio bianco propone Miracolo a Milano analisi filosofica di Federica Caniglia

Lo Spazio bianco, rubrica di promozione culturale della Società filosofica italiana sez VCO, consiglia la lettura del saggio filosofico-cinematografico “Lo sguardo del grande schermo” di Federica Caniglia che, nel video, analizza filosoficamente il film di Vittorio De Sica “Miracolo a Milano”, evidenziando analogie col pensiero di Schopenhauer, Platone, Kierkegaard e sottolineando il messaggio sempre valido di speranza e rinascita proposto dal film.

Amazon.it: Lo sguardo del grande schermo. La filosofia sui set di ...

Lo Spazio bianco consiglia la visione del film Contagion

CONTAGION: LA VISIONE DEL FILM DURANTE LA PANDEMIA POTREBBE ESSERE TERAPEUTICA

Lo Spazio bianco propone intervista Ágnes Heller

Lo Spazio bianco, rubrica di promozione culturale della Società Filosofica Italiana sez VCO, propone la visione dell’intervista effettuata alla filosofa Ágnes Heller nel settembre del 2016, in occasione della conferenza tenutasi a Verbania su invito della Società Filosofica Italiana sez VCO. Nel video introduttivo, a cura di Michele Rizzi, è consigliata la lettura di alcuni saggi della filosofa ungherese, della quale ne viene tracciato anche un breve profilo biografico.

La bellezza della persona buona - Agnes Heller - Libro - Mondadori ...Radiografia del male: dalle parole malvagie al male radicale - di ...Amazon.it: La teoria dei bisogni in Marx - Heller Agnes - Libri

Lo Spazio bianco consiglia Minority report e Contagion

Lo Spazio bianco, rubrica di promozione culturale, consiglia la visione del film Minority report e Contagion. Nel video introduttivo, a cura di Michele Rizzi, si possono cogliere alcune riflessioni filosofiche partendo dall’interrogativo: una società deve tutelare in modo particolare la sicurezza delle persone, facendo dello Stato una specie di “Leviatano” secondo l’idea del filosofo Thomas Hobbes, oppure la libertà è un bene così prezioso che implica rinunce anche in termini di sicurezza? E dunque quanto sono importanti le scelte di uno Stato per la tutela della salute delle persone? Secondo il filosofo scozzese David Hume la vita è un «enigma», un «mistero inesplicabile» di fronte al quale occorre abbandonare ogni superstizione e svolgere una serena, seppur condizionata, ricerca intellettuale. 

Contagion - Film (2011)Minority Report - Film (2002) - MYmovies.it


Amazon.it: The Minority Report and Other Classic Stories [Lingua ...

Spazio bianco – Lo sguardo del grande schermo

Lo Spazio bianco, rubrica di promozione culturale della Società filosofica italiana sez VCO, consiglia la lettura del saggio filosofico-cinematografico “Lo sguardo del grande schermo” di Federica Caniglia che, nel video, ci consiglia e ci introduce alla visione dei film di Vittorio De Sica attraverso interpretazioni, riflessioni e riferimenti filosofici.

encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcR...

Ogni volta che di fronte a noi scorrono le immagini di un film, è come se in un certo senso la nostra vita si amplificasse e nei volti, nei gesti e nei dettagli che scorrono sul grande schermo ritrovassimo una parte anche di noi stessi. Nel cinema lo spettatore può guardare con i propri occhi gli stati d’animo, i caratteri e le storie degli individui, perché nell’immagine è mostrata la dimensione dell’umano senza necessariamente ricorrere alla parola. L’immagine ha rivoluzionato i tradizionali modi di percezione e anche per questo il cinema ha rappresentato una grande rivoluzione nella nostra storia. Nella prima parte di questo testo si approfondiscono le caratteristiche dell’immagine cinematografica e le sue innumerevoli correlazioni filosofiche, per poi focalizzare l’attenzione su alcuni film di successo di Vittorio De Sica, un’icona della cinematografia italiana e internazionale, esponente del neorealismo, per suggerire al lettore-spettatore le possibili suggestioni filosofiche che scaturiscono dalla visione di un film. 

Navigazione articolo